Quando pensiamo all’India le prime cose che vengono in mente sono il Taj Mahal, Varanasi e le bellezze architettoniche del Rajasthan. Il sud di questo incredibile paese non rientra negli itinerari più gettonati, eppure è una meta che regala enormi soddisfazioni.

Alla scoperta dell’India nella natura

La folta vegetazione di questa parte del subcontinente è capace di lasciare una traccia indelebile nei ricordi di chiunque. Dalle colline ricoperte di piantagioni da tè alle risaie, alle palme che si stagliano sulle spiagge sconfinate: i paesaggi dell’India del sud non hanno nulla da invidiare alle più famose mete da cartolina.
Tra le escursioni più interessanti c’è quella nelle backwaters del Kerala, i canali navigabili percorsi quotidianamente da piccole imbarcazioni che collegano tra loro i villaggi della zona, oppure da imbarcazioni private, più o meno lussuose, noleggiate dai turisti. Località ideale per partire per queste escursioni è la graziosa cittadina di Alleppey, romantica e attraversata dai canali.
Imperdibili anche le piantagioni di tè, distese lussureggianti tra le quali spiccano i sari coloratissimi delle donne che ne raccolgono le foglie. Un buon punto di partenza per visitarle è Munnar.

Photo by Aditi Nayar on Unsplash

La ricchezza culturale dell’India: arte, storia e tradizioni

L’India del sud ha un patrimonio artistico molto ricco. Uno dei simboli di questa parte del subcontinente sono gli imponenti templi di Madurai, la più antica delle città tamil. Gli appassionati di storia troveranno meravigliosa anche la località di Hampi, nel Karnataka. Questo villaggio dall’atmosfera mistica, attraversato da un fiume e circondato da grandi rocce, sorge sulle rovine dell’antica capitale Vijayanagara, le cui rovine sono oggi visitabili.
Per chi ama il fascino dell’architettura coloniale, una tappa d’obbligo è Fort Cochin, sulla costa occidentale. Il soleggiato centro storico, tra influenze olandesi e portoghesi, profuma di spezie, e sul grazioso lungomare sorgono le tipiche reti da pesca cinesi, ancora in uso. Da non perdere, se passate di qua, uno spettacolo di Kathakali, una forma di teatro-danza tipica della zona.

Photo by Ron Hansen on Unsplash

Curiosità sull’India: forse non sapete che…

Qualche suggerimento per aggiungere al viaggio un tocco “esclusivo”: il punto più a sud dell’India si chiama Kanyakumari, un villaggio dove la vita scorre lenta e i turisti sono pochissimi. Un ottimo modo per entrare in contatto con la quotidianità degli abitanti del posto. Più a nord, a Mahabalipuram, c’è una vera meraviglia: il “Tempio della spiaggia”, un’affascinante costruzione che si affaccia sul golfo del bengala: è di granito, ma sembra fatto della stessa sabbia che lo circonda.

Viaggio in India: come scegliere l’assicurazione viaggi più adatta

Un viaggio in India richiede alcuni accorgimenti: è un paese complesso, e in un viaggio fai-da-te può capitare qualche imprevisto. Prima di partire è consigliabile informarsi sui vaccini necessari e sui medicinali da portare con sé. È importante fare attenzione a ciò che si mangia: il cibo deve essere ben cotto, e mai bere l’acqua del rubinetto! Per vivere il viaggio in completa serenità l’idea migliore è quella di stipulare un’assicurazione viaggi, che ha un costo ridotto e permette di ricevere assistenza 24 ore su 24 in caso di infortunio. Richiedere una polizza viaggi è semplice e veloce, e aiuta a risparmiare tempo prezioso durante il viaggio. L’India può essere una sfida, ma ne vale la pena!

Hampi

Hampi, Karnataka, India

Hampi, Karnataka, India

Alleppey

Alleppey Boathouse, Alappuzha, Kerala, India

Alleppey, Kerala, India

Munnar

Munnar, Kerala, India

Munnar, Kerala, India

Templi di Madurai

Madurai Temple, Chikka Madhure, Karnataka, India

Templi di Madurai, Karnataka, India

Fort Cochin

Fort Kochi, Cochin, Kerala, India

Fort Cochin, Kerala, India

Kanyakumari

Kanyakumari, Tamil Nadu, India

Kanyakumari, Tamil Nadu, India

Tempio della spiaggia

Tempio della spiaggia, Mamallapuram, Tamil Nadu, India

Tempio della spiaggia, Mamallapuram, Tamil Nadu, India

Leave a Reply