Blade Runner 2049: un buon motivo per cominciare a scrivere di cinema