Era il 1776 quando il Granduca Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena fece costruire la Kaffeehaus all’interno del Giardino di Bobili: nel XVIII secolo il caffè era ormai diventato in tutta Europa un’abitudine per le famiglie nobili e per la ricca borghesia. Molti sono infatti i dipinti che già dal ‘600 ritraggono tazzine e serviti dedicati all’esotica bevanda sulle tavole di ricchi e potenti. Nel ‘700 invece il caffè diventa una moda: in questo secolo apron coffehouse e caffè in tutta Europa: da Venezia a Vienna, da Londra a New York.

Non stupisce quindi che la famiglia granducale sentisse la necessità di costruire un luogo apposito dove potersi godere il rito quotidiano del caffè. Si tratta di uno spazio raccolto e intimo, dedicato esclusivamente ai familiari e alla corte, immerso nel verde del giardino che circonda Palazzo Pitti, residenza dedicata alla famiglia più che agli incontri pubblici.

Dopo anni di chiusura la Kafeehaus riapre oggi dopo un accurato restauro e sarà visitabile fino alla fine di Settembre, dalle ore 10 alle 16.

Chi visita il Giardino di Boboli quindi senza alcun sovrapprezzo potrà ammirare anche questa graziosa palazzina, progettata da Zanobi del Rosso e decorata all’interno da affreschi di Giuseppe del Moro, Giuliano Traballesi e Pasquale Micheli.

Lo stile è tipicamente settecentesco: colori pastello, vedute illusionistiche di paesaggi allietati da fiori e uccellini adagiati su finti pergolati. Rispetto all’allestimento originale sono state inoltre aggiunte nel saloncino alcune statue del XVI secolo, scelte dal direttore del Giardino di Boboli, Alessandro Cecchi.

Si tratta di un piccolo grande tesoro che testimonia un’epoca, il Settecento, che a Firenze ha lasciato testimonianze preziose, anche se spesso è trascurata dai visitatori che tendono a concentrarsi su Medio Evo Rinascimento.

Info e Dettagli

Per il momento sarà possibile visitare il piano superiore della palazzina, dall’entrata laterale.

Dettagli su orari e biglietti: sito ufficiale del Polo Museale Fiorentino.

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.