Tutti pronti per le invasioni digitali?